Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone
Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone
Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone
Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone
Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone
Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone

Collana Coniglio in Argento 925 e Abalone

Prezzo di listino €34,00 Prezzo scontato €61,00 Prezzo unitario per
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Abalone

Con questo termine, derivante dal termine spagnolo abulon, si identificano un gruppo di molluschi appartenenti alla classe dei Gasteropodi, famiglia Haliotidae, genere Haliotis, caratterizzati dal fatto di avere una sola valva, che copre l’animale come un tetto, per cui secondo alcuni potrebbero essere classificati anche come “lumache marine”. Nel mondo vi sono circa 100 specie diverse di Haliotis, sparsi lungo le acque costiere di ogni continente, ma solo una quindicina di queste sono allevate ad uso alimentare e ornamentale. L’abalone è diffuso in tutti i mari, compreso il Mediterraneo, e nelle sue molte varietà ha dimensioni che vanno da quelle di un piattino da frutta a quelle di una grossa zuppiera (da 10 a 50 cm di diametro circa). In Italia è presente solo sulla costa orientale della Sicilia, dove viene pescato in tarda primavera e in estate. La conchiglia, di colore diverso da specie a specie, somiglia vagamente ad un orecchio; per questo in Italia, oltre ai nomi classici di abalone , è chiamato anche orecchio di mare, patella reale, orecchio di Venere e, in Sicilia, occhio di bue. Lo strato più interno della conchiglia è composto di madreperla, che in molte specie è altamente iridescente, per cui dà luogo a una gamma di colori forti e mutevoli che la rendono attraente come oggetto decorativo.

Il Coniglio

Il termine “coniglio” è in realtà piuttosto generico. Identifica infatti sette generi (Brachylagus,Bunolagus, Caprolagus, Nesolagus, Orycatolagus, Pentalagus,, Poelagus, Pronolagus, Romerolagus, Sylvilagus) appartenenti alla famiglia dei Leporidi, ordine Lagomorfi. A quest’ultimo appartengono la famiglia degli Ochotonidi (di cui fanno parte i pica) e quella dei Leporidi, che raccoglie lepri e conigli. L’unica specie a essere stata domesticata è l’Oryctolagus cuniculus o coniglio europeo. Sul quando sia stata domesticata restano però ancora alcuni dubbi. Secondo studio pubblicato nel 2018 sulla rivista Trends in Ecology and Evolution, l’opinione diffusa che le origini domestiche del coniglio risalgano al 600 d.C. non è supportata documenti storici, dai reperti archeologici né dai risultati delle indagini genetiche.

Questo animale sembra essere una delle specie domesticate più di recente. «È probabilmente per questa ragione che il coniglio ha mantenuto molto della sua indole selvatica», spiega a OggiScienza Dario d’Ovidio, veterinario che si occupa di animali da compagnia non convenzionali e specializzato in medicina dei piccoli mammiferi tramite lo European College of Zoological Medicine.

In natura il coniglio europeo è essenzialmente un animale preda, ottimo pasto per un gran numero di predatori dai rapaci ai gradi carnivori. È, inoltre, l’unico leporide sociale. Come spiega un articolo del 2016, forma con i suoi consimili ampi gruppi, delimitati territorialmente (le “conigliere”), con un maschio dominante e diverse femmine e maschi subordinati; la gerarchia è strettamente lineare sia tra i maschi che tra le femmine. La socialità e la natura di preda del coniglio sono due aspetti essenziali da considerare quando si sceglie di accoglierne uno in casa, perché è proprio sulla base di queste caratteristiche etologiche che si può impostare la corretta gestione dell’animale.

GARANZIA SODDISFATTO O RIMBORSATO 30 GIORNI

Non sei soddisfatto del tuo acquisto? Avrai la possibilità di restituirlo ricevendo un rimborso completo entro 30 giorni dal pagamento.